You are here: Home > Danza per bambini > Coreografie per bambini

Coreografie per bambini

bambina con l'ombrello Ciao. Qui è Ioulia.

Coreografare le danze e le variazioni per allievi di 6-10 anni è una vera arte, assolutamente da non sottovalutare. Non è un segreto che la scelta della musica “giusta” può garantire buona parte del successo. Il resto che rimane è un frutto della fantasia e dell’analisi seria della capacità degli allievi e del loro livello di apprendimento.

 

 

 

A volte i colleghi mi chiedono “da dove tiro fuori queste danzette cosi belle per i piccoli”. Vi svelo il mio segreto. Cerco di seguire una scaletta dei consigli pratici che mi è stata suggerita ancora a San-Pietroburgo dal mio Maestro della Composizione Coreografica quasi 25 anni fa … La “scaletta” funziona bene ancora oggi e penso che possiamo andare avanti ancora per un secolo se non di più perchè si basa sulle ricerche storico-stilistiche, psicologiche ed artistiche.

Ho inserito queste perle di saggezza per iscritto e sono felice di condividerle con voi

Coreografare per i bambini. 10 utili consigli e suggerimenti

1. Scegliere il tema della danza. La danza deve assolutamente “raccontare” qualcosa, non condannare la danza alla breve vita senza un senso, essa non può esistere se non porta qualche significato.

2. Scegliere il brano musicale, non troppo lungo,  cercando di rimanere nei 3 minuti, più o meno.

3. Non dimenticare le principali fasi di composizione coreografica:
- Ingresso (tutti insieme, a canone, a gruppi, ecc.),
- Presentazione (del tema o dei personaggi) dove il pubblico deve capire di cosa “parlerà” la danza,
- Sviluppo evolutivo del tema della danza (la parte più ampia composta da diverse figure),
- Punto di Culminazione (per i bambini potrebbe essere il momento di qualche sorpresa, dello scherzo o del gioco),
- Finale (l’uscita significativa, la posa finale, la scomparsa nel buio, ecc.)

4. Analizzare la musica (metro, tempo, andamento ecc.).
Affiancare accuratamente la scaletta delle fasi di composizione coreografica all’evoluzione melodica rispettando il fraseggio. Avere chiaro il piano compositivo-musicale tenendo il conto delle battute musicali per ciascuna fase.
Prestare attenzione  alle particolarità tecniche e dinamiche presenti nella musica (per esempio: ripetizioni, rallentamenti, crescendo-diminuendo, legato-staccato, sincope, pause, accenti, ecc.)

5. Ricordare che l’Ingresso e il Finale della danza devono rappresentare forte e chiaro il tema della danza.

6. Coreografare 3-4 sequenze principali, non troppo lunghe, di 8-16 battute musicali ciascuna rispettando il programma di studio degli allievi. Utilizzare i movimenti studiati e appresi bene durante gli ultimi mesi.

7. Coreografare 2-3 sequenze secondarie con i movimenti studiati nell’anno precedente. Ricordare che anche le corse semplici, i saltelli, i pas galop, i pas polka ecc. sono oggetti di studio e possono essere inseriti nella danza come sequenze secondarie oppure come mezzi di “legame” tra una figura e l’altra.

8. Elaborare il Disegno della danza (la grafica), cioè gli spostamenti nello spazio sulla pianta del palcoscenico. Collegare il piano compositivo-musicale con il Disegno della danza.

9. Realizzare finalmente la Danza seguendo e rispettando la Composizione, il Disegno, la Musica e I Movimenti. Le sequenze dei movimenti, principali e secondarie, vengono proposti in modo alternato con la possibilità di una ripetizione giustificata (non ripetere mai la sequenza se non è proprio richiesta dalla Composizione o dalla Musica).

10. Scegliere un costume semplice, significativo e, nello stesso tempo, simpatico ricordando che la danza per i bambini deve essere anche un Divertimento.

 

Seguendo questi appunti si può realizzare le coreografie in Tecnica Classica compreso il livello pre-accademico, in Tecnica Moderna  e con qualche aggiunta specifica anche in Tecnica di Carattere.

Il rapporto tra le forme coreutiche e musicali, gli effetti che possano essere creati combinando e sovrapponendo in modi diversi i movimenti e gli spostamenti nello spazio, applicandoli sulle caratteristiche particolarità musicali – è un tema ampio e preferirei tornare a questo argomento appositamente.

 

Tags: , , , , , , ,

  • Digg
  • Del.icio.us
  • StumbleUpon
  • Reddit
  • Twitter
  • RSS

Leave a Reply